The nice guys

Il film ricorda molto Kiss kiss bang bang (2005), così tanto da sembrar pensato e diretto dalla stessa persona, il che corrisponde alla realtà dei fatti (*). Shane Black deve essere uno di quei sceneggiatori-registi che amano tornare più volte sulle stesse storie (**), vedasi anche la sua prima sceneggiatura, Arma letale.

Ambientato sul finire degli anni settanta nella Los Angeles assediata dallo smog, con il mondo del cinema ai suoi minimi storici al punto da essere tenuto a galla dal porno, è centrato sulla strana amicizia tra Holland March (Ryan Gosling), un detective alcolizzato dalle capacità così modeste che la sua sopravvivenza è spiegabile solo con la sua idiozia che lo deve rendere in qualche inesplicabile modo protetto da un dio burlone, e Jackson Healy (Russell Crowe), un picchiatore di bassa lega che per pochi dollari è disposto a mandare messaggi dissuasivi a chi stia antipatico ai suoi clienti.

Caso vuole che il destino dei due si incroci e venga legato ad un complicato caso che include una nota pornostar, dall'evocativo nome di Misty Mountains (Murielle Telio), Amelia Kutner (Margaret Qualley) che risulterà essere il perno della storia, un killer letale oltre misura (Matt Bomer), un pezzo grosso del ministero della giustizia americano (Kim Basinger), altri tipacci, gente che muore a destra e a manca in modi solitamente piuttosto efferati, eccetera.

A bilanciare i due caratteri principali interviene la figlia di March, Holly (Angourie Rice ***), a cui tocca di fornire un minimo di capacità intellettiva e umanità allo scombinato terzetto.

Tutti bravi, Gosling lavora molto nell'area dello slapstick, arrivando anche ad una esplicita citazione di Lou Costello (°), Russell Crowe è il muscolo, che però mostra di avere, sotto sotto, molto in fondo, qualcosa di umano che forse vorrebbe emergere. Alcune scene sono davvero molto divertenti, come quella in cui Holland ha un colpo di sonno, e noi ce lo vediamo seguendo la sua soggettiva. Avrei apprezzato però una minore truculenza fine a se stessa e magari un maggior approfondimento dei caratteri.

(*) Qui si è fatto aiutare alla scrittura da tal Anthony Bagarozzi.
(**) Non è necessariamente una cattiva cosa, basta essere preparati.
(***) L'ennesima giovanissima ragazzina americana che mostra di avere notevoli potenziatà attoriali.
(°) Da noi noto come Pinotto, in duo con Gianni - Bud Abbott.

2 commenti:

  1. Divertentissimo, me lo sono goduto tutto! Adesso dovrò recuperare per forza di cose Kiss Kiss Bang Bang :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Confermo, se ti è piaciuto questo KKBB lo devi proprio recuperare.

      Elimina